Altro

Ricetta risotto salsiccia di maiale e zafferano

Ricetta risotto salsiccia di maiale e zafferano


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

  • Ricette
  • Tipo di piatto
  • Portata principale
  • risotto

Questo autentico risotto alla salsiccia di maiale italiano (luganega in dialetto) è un piatto tipico della zona di Milano. È una versione più sostanziosa e gustosa dell'iconico risotto alla milanese, che condivide il caratteristico colore giallastro dovuto allo zafferano.

2 persone hanno fatto questo

IngredientiPorzioni: 4

  • 1,5 litri di brodo di manzo
  • 2 pizzichi di fili di zafferano
  • 1 scalogno o 1 cipolla bianca, tritata
  • 50 g di burro, diviso
  • 1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva
  • 150 g di salsiccia di maiale, senza casse
  • 350 g di riso per risotti (es. Arborio, Carnaroli o Vialone Nano)
  • 1/2 bicchiere (120 ml) di vino bianco
  • 30 g di parmigiano grattugiato
  • sale q.b

MetodoPreparazione:10min ›Cottura:20min ›Pronto in:30min

  1. Scaldare il brodo in una casseruola e tenerlo al caldo a fuoco basso. Mettere a bagno i fili di zafferano in 1 mestolo di acqua calda.
  2. In una pentola capiente fate appassire lo scalogno in 25 g di burro e 1 cucchiaio di olio d'oliva finché non si ammorbidisce. Sbriciolate la salsiccia di maiale, mescolate con un cucchiaio di legno e fate cuocere fino a doratura.
  3. Aggiungere il riso e farlo tostare per qualche minuto, finché il riso non diventa traslucido e ha assorbito l'olio. Alzare la fiamma, bagnare con il vino e far sobbollire fino a quando l'alcol è evaporato e il vino viene assorbito maggiormente dal riso.
  4. Abbassate la fiamma e cominciate ad aggiungere il brodo, un mestolo alla volta, mescolando dopo ogni aggiunta e aggiungendo il successivo solo quando il primo sarà completamente assorbito. Alla fine aggiungete l'acqua con lo zafferano e fate in modo che venga completamente assorbito. Il riso impiegherà circa 18-20 per cuocere completamente; non scuocere, piuttosto tenerlo abbastanza umido e "al dente".
  5. Togliete dal fuoco e aggiungete il burro rimasto e il parmigiano grattugiato, mescolate delicatamente, aggiustate di sale e lasciate riposare qualche minuto. Servire subito.

Visualizzato recentemente

Recensioni e valutazioniValutazione globale media:(2)


Risotto al forno con zafferano e chorizo

Amo passare il tempo in cucina a preparare il risotto, lo trovo così rilassante ma quell'impresa è senza dubbio un passatempo per il fine settimana. Durante la settimana, dopo una lunga giornata, i bambini che mi urlano contro per cena e il gatto che corre sotto i miei piedi (credo apposta) cercando di farmi lo sgambetto, l'ultima cosa che ho voglia di fare è passare 30 minuti in piedi sui fornelli mescolando lentamente una pentola a passo pedonale. Ho voglia di dedicare 10 minuti alla preparazione e avere una grande pentola di confortante risotto per cena (e un bicchiere di vino, ovviamente). Ciao Risotto Al Forno Con Zafferano E Chorizo.

Quest'anno per la festa della mamma mia cognata, mia suocera e io abbiamo deciso, davanti a una ciotola di risotto, che ci serviva una buona ricetta per il risotto al forno. L'ho vista come la mia sfida. Li ho fatti un sacco di volte in passato ma sono sempre risultati pesanti e più simili a un pilaf che a un risotto setoso. Ora lo ammetto, questo tecnicamente non è un risotto ma è delizioso ed è dannatamente vicino. Quindi, ancora una volta devo chiedere perdono a tutti i buongustai italiani irriducibili che leggono il mio blog. Come il mio Cabonara, il mio Risotto al Forno è buonissimo ma mi dispiace che non sia tradizionale. Ma importa? È cremoso, è setoso, il riso ha un po' di mordente ed è quasi vellutato nella consistenza – tutto quello che vuoi da un risotto, ma è cotto al forno.

Che riso devo usare in un risotto?

Sono un totale smanettone, quindi faremo una chiacchierata sui tipi di riso che puoi usare nel risotto. Fa davvero la differenza. Capisco perfettamente che il 99% della popolazione è molto più figo di me e probabilmente vuole fare cose interessanti come andare in giro indossando occhiali da sole e bere kombucha. Quindi, se non vuoi smanettare in questo momento, salta avanti due paragrafi, ma ti avverto, il tuo risotto potrebbe soffrire della tua freddezza. Ci sono tre tipi principali di riso che si desidera utilizzare per il risotto: arborio, carnaroli o vialone nano. Il vialone nano è meno diffuso e solitamente utilizzato per risotti più leggeri come quelli ai frutti di mare. Non l'ho mai visto nemmeno nel mio supermercato gourmet locale, quindi dimenticheremo questo tipo. Parliamo di arborio. Questo è il tuo classico. È facile da trovare e relativamente economico. È perfetto per un risotto ma richiede molta manutenzione e può scuocere facilmente. Poi c'è il carnaroli. Negli anni '40 il riso arborio e una varietà di riso giapponese, si sono sposati e hanno avuto un bambino e lo hanno chiamato carnaroli. È il riso più indulgente con cui cucinare e produce un risotto deliziosamente cremoso che ha ancora una grande consistenza.

In fondo, qualsiasi riso per risotto su cui puoi mettere le mani funzionerà per questo risotto al forno, ma il carnaroli ti darà il miglior risultato. Perché non sperimentare con i diversi tipi? Basta non usare riso a chicco lungo, gelsomino, basmati ecc. Si ottiene la deriva e non sciacquare MAI il riso prima della cottura. Vogliamo tutto quell'amido perché AMIDO = CREMA.

Una volta inchiodato un risotto, puoi davvero aggiungere tutte le combinazioni di sapori che desideri. Ancora una volta, so che il chorizo ​​e lo zafferano non sono tradizionali e hanno un'inclinazione spagnola, ma penso che le spezie e il salato siano così deliziosi in un risotto.

Quindi aggiungi questo al tuo arsenale settimanale e quando tutto ciò che hai voglia di fare è sederti con un bicchiere di vino dopo una lunga giornata, dedica solo 10 minuti di preparazione e avrai un delizioso risotto cremoso sul tavolo (supponendo che il gatto non ti fa inciampare sulla strada per il tavolo, sì, questo è successo a me..così disordinato).


Risotto salsiccia, vino rosso e piselli

Lo chef Alessandro Pavoni condivide alcuni dei suoi vocaboli di risotti italiani. "Come si tostano i chicchi di riso nell'olio prima di aggiungere il vino e il brodo, si chiama tostatura. Quando il riso sarà gonfio al dente, si fa riposare un minuto e poi si aggiungono burro e parmigiano – questo è il mantecatura. E quando hai raggiunto la consistenza perfetta - quando il risotto si muove con il cucchiaio come un'onda increspata - si chiama all'onda (l'onda)."

La generosa ricetta di Alessandro è perfetta per sfamare una folla.

Preparazione

Cucinando

Livello di abilità

Ingredienti

  • olio d'oliva
  • 200 g Salsicce italiane, carne privata del budello e tritata
  • 300 grammi piselli
  • 90 g Burro
  • 200 g parmigiano reggiano, grated
  • 6 litri brodo di pollo
  • 400 ml vino rosso
  • grande pizzico di fili di zafferano
  • 2 cipolle tritate
  • 1 spicchio d'aglio, tritato finemente
  • 1 peperoncino rosso piccolo, tritato finemente
  • 1 kg riso carnaroli
  • manciata di prezzemolo a foglia piatta, tritato finemente
  • sale e pepe

Note del cuoco

Le temperature del forno sono convenzionali se si utilizza la ventilazione forzata (convezione), ridurre la temperatura di 20˚C. | Usiamo cucchiai e tazze australiani: 1 cucchiaino equivale a 5 ml 1 cucchiaio equivale a 20 ml 1 tazza equivale a 250 ml. | Tutte le erbe sono fresche (se non specificato) e le tazze sono leggermente confezionate. | Tutte le verdure sono di media grandezza e pelate, se non diversamente specificato. | Tutte le uova sono 55-60 g, se non specificato.

Istruzioni

Scaldate un filo d'olio in una padella e fate rosolare la salsiccia. Scolare su carta assorbente.

Sbollentare i due terzi dei piselli, quindi scolarli e passarli in purea con un po' di burro e parmigiano reggiano. Accantonare.

Scaldare il brodo in una pentola. Scaldate il vino con lo zafferano in un pentolino a parte. Nel frattempo scaldare 80 ml di olio d'oliva in un'altra pentola e aggiungere la cipolla, l'aglio e il peperoncino. Cuocere dolcemente per circa 8 minuti, fino a quando saranno morbide ma non colorate. Aggiungere il riso e mescolare per far tostare uniformemente i chicchi, facendo attenzione a non farli bruciare. Aggiungere il vino caldo, ma non mescolare il riso, basta scuotere la pentola. Quando il riso avrà assorbito il vino, iniziate ad aggiungere circa 300 ml di brodo alla volta e fatelo assorbire senza mescolare.

Dopo 3-4 minuti, unire la salsiccia. Continuare ad aggiungere brodo senza mescolare per altri 12 minuti. (Puoi usare il cucchiaio per controllare che il riso non si attacchi al fondo della pentola.)

Unire la purea di piselli ei piselli interi e cuocere per altri 2 minuti, aggiungendo brodo se necessario, finché il riso non sarà al dente. Togliere dal fuoco e mantecare con il prezzemolo e il burro rimasto e il parmigiano reggiano. Gusto per il condimento.


Quale tipo di riso è il migliore per il risotto italiano?

Se puoi acquistare il riso Carnaroli, questa è la scelta migliore. Le seconde migliori opzioni di riso Sant'Andrea o Arborio, e consiglio di acquistare riso coltivato in Italia per ottenere i migliori risultati. Questi tipi di riso sono ricchi di amido e rendono il miglior risotto cremoso. Se non riesci a procurarti nessuno di questi, usa un riso a chicco corto, ma sappi che il risultato non sarà altrettanto buono.

Da quando ho pubblicato questa ricetta, ho avuto la fortuna di poter andare a una lezione privata di preparazione del risotto in una grotta a Lugano chiamata Cruise and Cook. Parla di un'esperienza incredibile!

La mia amica Cynthia (What a Girl Eats) era con me e anche lei ne ha scritto e ora è innamorata della preparazione dei risotti.

Un anno prima avevo tenuto una lezione di cucina di risotti a Torino da Qubí Cucina dallo chef Marco Giachello. Abbiamo fatto il risotto al Barolo (come nel vino Barolo).

Un delizioso pasto di tre portate, con il risotto come piatto principale! Dai un'occhiata anche alla ricetta delle pesche al forno.


  • 360g (13oz) di riso Carnaroli
  • 250g (9oz) di salsiccia italiana dolce
  • 1 cipolla piccola o 1 scalogno
  • 2 radicchio trevigiano
  • ½ tazza (80 ml) di vino bianco secco
  • 1 litro di brodo vegetale fatto con la nostra ricetta
  • 30g (1oz) di burro
  • 1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva
  • 3 cucchiai di parmigiano reggiano o grana padano
  • sale fino


Passo 1) – Per prima cosa togliete il budello alla salsiccia e poi tagliatela a pezzetti. In una padella capiente fate rosolare la salsiccia in 1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva.

Passo 2) – Mescolate e fate cuocere da tutti i lati e quando è pronta (circa 3/4 minuti) togliete la salsiccia con una schiumarola e mettetela da parte in un piatto. A questo punto tritate finemente la cipolla e fatela appassire nell'olio EVO e nel grasso della salsiccia per 1 minuto.

Passaggio 3) – Nel frattempo tagliate il radicchio trevigiano e aggiungetelo alla cipolla soffritto e lasciate cuocere per 2 minuti, mescolando spesso.

Passaggio 4) – Aggiungere ora il riso Carnaroli e farlo tostare per 2 minuti. Continua a mescolare.

Passaggio 5) – Bagnate con il vino bianco e lasciate cuocere a fuoco vivace fino a completo assorbimento. Quindi aggiungere i 3 o 4 mestoli di brodo vegetale, fino a coprire il riso. Cuocere per 15-18 minuti a fuoco medio, mescolando di tanto in tanto e, se necessario, aggiungere un mestolo o due di brodo.

Passaggio 6) – Far assorbire tutto il brodo e aggiustare di sale se necessario. Non cuocere troppo il riso e il modo migliore per non farlo è assaggiarlo frequentemente, così da essere sicuri di aggiungere o meno un altro mestolo di brodo. Quando il risotto è cotto al dente, spegnere il fuoco quindi aggiungere il parmigiano grattugiato e il burro.

Passaggio 7) – Mescolare e mescolare, quindi aggiungere la salsiccia e mescolare ancora. Servire Risotto Salsiccia con Radicchio di Treviso caldo con aggiunta di parmigiano grattugiato a piacere.


Risotto Salsiccia e Piselli

Unisci la cremosità del riso Carnaroli a chicco corto al profumo del vino rosso e alla gustosa prelibatezza delle salsicce di maiale e finocchio, con i porri dolci stufati e una generosa quantità di burro e parmigiano e il gioco è fatto gioia su un piatto. Il risotto è il comfort food per eccellenza ed è davvero molto semplice da preparare. Detto questo, devo essere pedante e pignolo e insistere che tu lo faccia solo se hai un ottimo brodo con cui cucinare. I cubi non lo taglieranno, ho paura…

INGREDIENTI, per 4

2 cucchiai di olio extravergine di oliva

1 cucchiaio di burro +1 extra alla fine

2 tazze di riso Carnaroli o Arborio

parmigiano grattugiato fresco

1. Soffriggere la salsiccia con olio fino a doratura e quasi cotta. Rimuovere e mettere da parte.

2. Affettare due porri e lavarli accuratamente per rimuovere la sabbia. Rosolare a fuoco lento nella stessa padella con il sugo della salsiccia aggiungendo un cucchiaio e imburrare a Coprire con un coperchio e mescolare di tanto in tanto. Dovrebbero diventare morbidi e cremosi in circa 20 minuti.

3. Aggiungere il riso e farlo tostare nella padella con i porri fino a quando i chicchi non diventano traslucidi, bagnare con il vino e far evaporare l'alcol. Mescolate un po' per evitare che i chicchi si attacchino alla padella, facendo attenzione a non affaticare troppo il riso. Vuoi assicurarti che i grani mantengano la loro forma e consistenza.

4. Man mano che il vino si sarà asciugato, abbassate la fiamma e iniziate ad aggiungere il brodo, pochi mestoli alla volta, mescolando delicatamente. Ripetere per circa 16/17 minuti, fino a quando il riso è quasi cotto. Assaggiate di sale e pepe e aggiustate di conseguenza. Aggiungete una tazza di piselli surgelati e le vostre fette di salsiccia.

5. Spegnete il fuoco, aggiungete un mestolo di brodo, una generosa grattugiata di parmigiano e 1 cucchiaio di burro. Mescolare energicamente per rilasciare l'amido. Coprite con un coperchio e fate riposare per 3 minuti. Questo processo si chiama mantecatura ed è indispensabile per ottenere un risotto cremoso con la sua caratteristica all’onda* struttura .


Riepilogo della ricetta

  • 1 confezione (5 once) di mix di riso allo zafferano (come il Mahatma)
  • 2 (4 once) link salsiccia italiana di tacchino
  • 2 tazze di mais intero surgelato
  • 1 spicchio d'aglio, tritato
  • tazza (1 oncia) di parmigiano fresco grattugiato
  • ½ cucchiaino di peperoncino in polvere
  • ¼ cucchiaino di cumino macinato
  • ¼ cucchiaino di pepe nero
  • pizzico di sale
  • Coriandolo fresco tritato (facoltativo)

Cuocere il riso secondo le indicazioni sulla confezione, omettendo sale e grasso.

Eliminate il budello dalla salsiccia. Cuocere la salsiccia in una padella larga a fuoco medio-alto fino a doratura, mescolando per sbriciolarsi. Togliere dalla padella con una schiumarola.

Aggiungere il mais e l'aglio nella padella e cuocere a fuoco medio per 3 minuti, mescolando spesso. Mescolare riso, salsiccia, formaggio, peperoncino in polvere, cumino, pepe e sale. Ridurre il fuoco al minimo e cuocere, mescolando continuamente, fino a quando non si sarà completamente riscaldato. Cospargere con coriandolo, se lo si desidera.


Ricetta Paniscia: Risotto salsiccia e fagioli

Paniscia. La parola era in cima alla lista dei primi piatti del menu.

Cos'è questa strana parola? Un formato di pasta? dovevo sapere.

È una specialità del risotto della zona, ha spiegato il cameriere del Ristorante Monteariolo, un piccolo locale in una stradina laterale nella città di Novara, nel nord Italia, a circa 90 minuti a ovest di Torino. Fagioli e salsiccia e verdure.

Fagioli nel risotto? Mai sentito una cosa del genere. dovevo averlo. In un ristorante, ordinerò sempre l'insolito o l'ignoto per me: è una spinta alla scoperta di nuovi cibi che ho mangiato da quando ero bambino.

Jet-lag, gravemente privato del sonno, ho trovato nel grande piatto fondo della paniscia un conforto che riempie l'anima e un'accoglienza rustica e calorosa in Italia. Chi ha detto che le porzioni in Italia erano più piccole? Il servizio è stato rompicapo. Ho mangiato ogni grano. Poi la tartare di manzo, specialità del Piemonte, la regione in cui si trova Novara, con foglie di radicchio alla griglia tutt'intorno. Avventuroso anche se mi reputo, non volevo il tapulon (asino).

Conosciamo bene il risotto in questo paese. È suscitato in molte incarnazioni, la più esaltata forse alla milanese, ricco di midollo e profumato allo zafferano. Ma imbattermi nella paniscia mi ha aperto il pensiero sui risotti iperlocali, piatti di ogni menu in una piccola regione, ma forse non visti spesso nella provincia successiva (comune, in italiano). Dopo aver lasciato Novara, durante un viaggio a fine estate attraverso zone del nord Italia, non ho mai più rivisto la paniscia.

Novara (città e comune omonimo) è nella Pianura Padana, nota, tra gli altri, per il riso (tra cui arborio, carnaroli e vialone nano) che dona al risotto la sua consistenza unica e cremosa. Sebbene molti risotti siano consumati in questa vasta regione agricola, che si estende dal Piemonte occidentale attraverso l'alto d'Italia fino all'Adriatico, si scopre che alcuni sono così locali da riflettere la cucina solo della provincia o della città: il pilota di Mantova , dal nome dei lavoratori della riseria che, avendo bisogno di un piatto sostanzioso, irroravano il loro riso con carne di maiale macinata e formaggio. O a Padova, risotto con burro, panna, formaggio e fegatini di pollo.

La paniscia di Novara rispecchia con audacia il suo territorio. Come scrive Marcella Hazan in "More Classic Italian Cooking", si tratta di risotto cucinato con vino rosso della regione (il Piemonte è la terra del barolo, della barbera e del dolcetto), a cui si aggiunge un robusto minestrone. Locali anche le salsicce utilizzate per arricchire il piatto. Così come i fagioli.

Tornato negli Stati Uniti, ho rintracciato su Facebook la ricetta del piatto che ho mangiato quella sera. Matteo Lorenzini, che gestisce Monteariolo, il ristorante di famiglia, è stato felice di condividere la ricetta e, senza chiedere consiglio, ha suggerito sostituzioni di ingredienti (in particolare le salsicce).

Farlo e mangiarlo di nuovo è stato come rivisitare Novara attraverso la sua cucina. Un bel modo di viaggiare.


Iscriviti alla nostra newsletter per partecipare ai concorsi e ricevere ogni settimana gustose ispirazioni per ricette.

Usiamo una terza parte, RedEye, per inviare la nostra newsletter, ma ti assicuriamo che i tuoi dati verranno utilizzati solo per questo scopo e non saranno trasmessi ad altre terze parti.

Diamo valore alla tua privacy

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito e per consentire a noi e a terze parti di personalizzare i contenuti di marketing che vedi sui siti Web e sui social media. Per maggiori informazioni consulta la nostra cookie policy.


1. Scaldare l'olio in una casseruola, aggiungere la cipolla e l'origano. coprire e far ammorbidire a fuoco dolce.

2. Mescolare il riso arborio nella casseruola, aggiungere il brodo di pollo, le striscioline di zafferano (non è necessario metterle a bagno prima), il vino bianco e le striscioline di mortadella. Condite bene con sale e pepe nero macinato. Portate a bollore e fate sobbollire, scoperto, per 17 minuti, o fino a quando tutto il liquido non sarà stato completamente assorbito ma il riso arborio sarà leggermente sodo al centro.

3. Sformare in una ciotola da portata adatta e servire con del parmigiano grattugiato fresco.

Consiglio: I risotti vanno serviti appena cotti, altrimenti il ​​riso perderà la sua consistenza soda. Il riso Arborio ha un chicco di forma ovale, ed è più corto e rotondo del riso americano a chicco corto.

Punto d'osservazione: fate attenzione solo al parmigiano di un negozio che ha un rapido giro d'affari. Preferibilmente sbucciate un pezzo e grattugiatelo voi stessi altrimenti si secca e perde il suo sapore cremoso e pungente. Buon appetito!


Guarda il video: RESEP RAHASIA PORK SAUSAGE ANTI RIBET + ANTI GAGAL DENGAN 2 TEKNIK KUKUS + REBUS, RASANYA? WAOWW (Potrebbe 2022).