Altro

Pancake ripieni di crema urda

Pancake ripieni di crema urda


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Sbattere le uova con sale, zucchero, latte, acqua minerale, si aggiunge gradualmente la farina e alla fine si aggiunge il burro (olio).

Scaldare la padella per le frittelle, ungere con un filo d'olio e mettere un pezzetto di pasta. Cuocere per 2 minuti, quindi girare e cuocere per un altro 1 minuto.

Fate lo stesso per il resto dei pancake.

Urda si mescola con panna acida, miele ed essenza.

Dopo aver finito di preparare i pancake, riempiteli con l'urda e arrotolateli.


So che dirai che di solito serviamo frittelle come dessert con ripieni diversi, ma ci piacciono anche quelli sarate (galette)pieno di quello che ci passa per la testa.
Ora ho provato con fegatini e funghie sono venute molto gustose, salate, perfette direi, ma anche piene, non dimentichiamolo.
La ricetta si fa in fretta, soprattutto se avete già preparato le frittelle.
Ho servito le frittelle in due modi: così e con una salsa di pomodoro. scegli tu come ti piace di più!


Abbiamo bisogno :

- per i pancake:
2 uova
700 ml di acqua minerale
250 g di farina bianca

sale

- per il ripieno
400 g di funghi lessi affettati
150 g di fegatini di pollo
150 g di carne macinata
2 uova
1 cipolla
100 ml di panna acida
1/2 peperone rosso
qualche cipollotto sottaceto
timo
aneto
1 cucchiaio di farina
3 cucchiai di olio
prezzemolo verde
sale
Pepe

- per la salsa di pomodoro
400 ml di brodo di pomodoro (fatto in casa)
100 ml di vino bianco
100 ml di zuppa
sale
Pepe

- per gratinare
150 g di formaggio affumicato
3 cucchiai di pangrattato
2 uova
100 ml di panna liquida
un po' di burro

La ricetta che vi presenterò è di qualche Pancakes fine e aerata, e il loro segreto sta nell'uso dell'acqua minerale.
Sbattere le uova con un po' di sale, aggiungere la farina e l'acqua minerale e impastare fino ad ottenere un impasto omogeneo. Dovrebbe uscire un po' più consistente, come una crema sottile.
Infornare poi le frittelle nella padella per frittelle, mettendoci due gocce d'olio prima, far scaldare e poi mettere l'impasto in una padella con un po' di lucido.Infornare a fuoco medio su entrambi i lati, le frittelle, quindi adagiarvi sopra un plateau, uno sopra l'altro, non serve altro olio.


Tritare finemente la cipolla Riempimento quindi rosolatela a fuoco basso, in poco olio.Quando diventa vitrea, aggiungete la carne macinata e fatela scaldare finché non sarà più grumosa.


Fegatini pelati e tagliati a metà, farli rosolare in poco olio di timo.
Quando saranno pronte, toglietele dall'olio e tenetele in caldo.

Scaldare un po' nell'olio i funghi tritati, insieme al peperoncino tagliato a dadini.
Aggiungere i peperoncini bianchi, scaldarli un po' e cospargere con un po' di prezzemolo e aneto verde.


Sbattete bene le uova con la panna, aggiungete la farina e mescolate bene e poi condite.
Prepariamo una ciotola più grande in cui mescoleremo il ripieno.


Mettere nella ciotola i fegatini fritti e tritati finemente, la carne macinata fritta, i funghi, le verdure e le uova con panna acida.
Mescolateli per amalgamarli bene e conditeli se necessario.

Con questa composizione riempiamo i pancake e li pieghiamo come mostrato in figura, pieghiamo la parte superiore sopra il ripieno, poi i lati e arrotoliamo il pancake.


Mettere tutte le frittelle ripiene in una ciotola che va in forno, unta di burro e cosparsa di pangrattato.
Uova per Gratinato sbattiamoli in una ciotola in cui poi aggiungiamo la panna e versiamo la composizione sopra le frittelle nella ciotola.


Cospargete con il pangrattato e grattugiate il formaggio e adagiatevi sopra qualche pezzetto di burro.
Mettere la pirofila nel forno preriscaldato e lasciarla gratinare per 40 minuti fino a doratura.


Nel frattempo ci prepariamo Sosual di pomodori. Mettete tutti gli ingredienti in una casseruola a bollire (se vi piace potete aggiungere una foglia di alloro) e fate bollire per 10-15 minuti, finché non si abbassa un po'.
La salsa di pomodoro calda non viene versata nella ciotola, in quanto ammorbidisce le frittelle, ma tutti la mettono nel piatto quando iniziano a mangiare.

Ora puoi scegliere l'opzione in cui servire le frittelle ripiene, con o senza salsa di pomodoro.
Se è senza salsa, se ti piace, puoi aggiungere un po 'di panna acida al momento di servire.
vi assicuro che sono buonissimi!
Grande appetito avere !


Fatti in casa

I pancake con urda e aneto sono una specialità della nonna. Infatti, nell'ordine delle cose, la nonna prepara l'impasto in modo che escano le torte soffici, morbide e idealmente spesse, e il nonno si occupa di friggere, torcere e torcere. È un vero rituale e non so come farlo, ma ogni volta funziona perfettamente. In quasi tutte le domeniche la storia si ripete e si fissa in questo periodo, il ripieno preferito è l'urda mescolato con zucchero e aneto.
Non ti parlerò ora di come preparare il pancake perfetto, perché sicuramente, sicuramente ognuno ha la sua versione collaudata.
Quindi vi parlerò del ripieno. Mescolare un po' formaggio fresca, preferibilmente la versione più cremosa e burrosa aneto tritato fresco finemente, finemente e con zucchero assaggiare.

Poi riempiamo Pancakes, anche da gustare e basta.

Un commento:

e chi li prepara effettivamente. per mescolare l'urda con l'aneto non dovrebbe essere tagliato.


Cos'altro sto cucinando?

Chi non sa fare i pancake? Credo sia stata la prima torta che ho imparato a fare, volendo imitare il mio seno, quello che faceva molto spesso le mie frittelle, quando lei era con me. Sono rimasto affascinato quando l'ho visto lanciare il pancake e riprenderlo, dall'altra parte. Anche mia madre mi ha preparato i pancake, ma non sapeva come buttarli via - o forse non voleva essere coinvolta. È certo che fino a quando non sono cresciuto, in modo da poter andare ai fornelli, ho tenuto da qualche parte nella mia mente come dovevo fare le frittelle, vale a dire, vomitare. Mamare era partita nel frattempo, per crescere altri nipoti, perché solo io avevo già 10 anni ed ero vecchia, brava solo a stare con la chiave. quindi non aveva nessuno da mostrarmi tranne mia madre, che sapeva solo fare le frittelle, come ogni madre. All'inizio ha preparato il mio impasto, ma poi ho imparato anche io, dopo aver praticato innumerevoli volte, tenendo conto del consiglio principale: non mettere lo zucchero nell'impasto, in modo che i pancake non si attacchino! Mia madre mi ha parlato della famosa padella speciale per frittelle, che "non si lava mai, si strofina solo con la carta, altrimenti le frittelle si attaccano". quella era la paura di quegli anni, non attaccare i tuoi pancake, oltre a "non far crescere i tuoi cozonac".
La padella per i pancake era una padella di latta nera. era nero di fumo o lo era. Non lo so più! Prima di fare le frittelle, ho messo la padella a scaldare a fuoco vivo, e ha emesso un fumo. Non meno di quando ho fatto i pancake, ma almeno allora sapevano di vaniglia e rum. Mia madre mi ha mostrato prima come scaldare l'olio in padella, finché non preparo le frittelle. Versare nuovamente l'olio caldo in una tazzina da caffè, quindi mettere un cucchiaino di questo olio nella padella, su ogni frittella, prima di versare l'impasto. Mi ci è voluto un po' per capire come dovrebbe essere l'impasto - quanto dovrebbe essere spesso, cioè né troppo spesso né troppo sottile. I pancake erano diventati il ​​mio dolce preferito! Anche se, invariabilmente, la prima frittella si attaccava sempre, spesso la seconda e la terza, finché non abbiamo addensato l'impasto con un po' di farina, aggiunto dell'olio o ancora una volta pulito la padella. A quel tempo non immaginavo nemmeno quanto sarebbe stato bello con le pentole in teflon o in ceramica! Ho tenuto quella padella per anni, finché i miei figli non sono cresciuti. Li ho fatti i pancake nella stessa padella e ricordo come ho fatto i pancake, e si sono seduti al tavolo e li hanno mangiati, in modo che non si vedesse nulla - come se non avessi fatto i pancake, sono scomparsi così rapidamente. Quando erano pieni, ne rimanevano circa 3-4 per me e mio marito, per lussuria.
Molti anni dopo la loro comparsa, ho preso anche una padella di teflon. Non mi è piaciuto molto, perché i pancake non erano così gustosi, sembravano troppo croccanti. Non riuscivo nemmeno a fare frittelle molto sottili, come ho fatto con la teglia di latta - molto più facile quando le lanciavo avanti e indietro. Ma mi sono adattato, perché era molto meglio che non si attaccassero affatto, quindi non ho sospirato per la teglia di latta, che ha fatto il suo lavoro per 3 generazioni, e forse anche di più, perché non so da quando mia madre aveva quella padella.
Quello che volevo davvero dire è che non c'è niente di più facile che fare i pancake. Chiunque può fare, se ha 1 uovo, un po' di farina e un po' d'acqua, non necessariamente latte.
L'impasto originale ha davvero tutti gli ingredienti di base.

Ingredienti per circa 10 pancake

- 1 barattolo di farina
- 2 uova
- 1 tazza di latte (acqua, acqua minerale o soda)
- 1 pizzico di sale
- 1 cucchiaio di zucchero, chi vuole
- 1 cucchiaio di olio per impasti
- 1 cucchiaio di burro fuso o olio per friggere

Metto la farina in una ciotola, faccio un posto al centro dove metto le uova, il sale, l'olio e il latte, poi la impasto con una frusta, in modo che non diventi grumosa. Metto tutti gli ingredienti e li mescolo nella piccola ciotola del robot da cucina. Se l'impasto risultasse troppo denso aggiungete ancora un po' di latte. L'impasto deve scorrere, ma essere denso come il latte montato. Lascio l'impasto in frigo per un po', in modo che la farina si gonfi bene. Se si è addensato troppo, aggiungo ancora un po' di latte. Molte volte l'ho fatto con acqua naturale e le frittelle sono venute molto bene. Asciuga solo i bordi, se rimangono durante la notte. cosa che di solito non accade! Faccio più impasto, almeno da 1/2 kg di farina, cioè da 2 tazze.

Dopo averlo mescolato nella ciotola del robot, verso l'impasto nella ciotola per l'impastatrice, che va bene solo per l'impasto dei pancake, essendo più stretto e più alto così, alla fine, posso prendere l'impasto rimanente molto più facilmente, che da -una ciotola normale, con una base più ampia.

I pancake si fanno a fuoco vivo, ma non al massimo. E ho una padella che uso solo per i pancake in modo che i pancake non abbiano sapore o odore di cibo (cipolla). Ho usato anche una padella in teflon, ma ora ne ho una più piccola in ceramica, che è molto buona. L'ideale per queste padelle sarebbe non mettere affatto grasso, ma i pancake non sono così gustosi. Metto la padella sul fuoco più alto e lascio scaldare per qualche minuto sulla giusta fiamma verso il mare, avendo già fatto l'impasto. Metto un cucchiaino di burro fuso o olio (spesso metto l'olio anche con la bottiglia) e giro la padella in modo che il grasso si sparga ovunque, tenendolo sopra il fuoco. L'olio non si stende come una teglia di latta, ma basta per esserci.

Poi verso l'impasto nella teglia con un lucido, circa a metà della teglia, poi giro velocemente la teglia in modo che l'impasto si sparga ovunque. Il mio metodo è mettere l'impasto sul lato sinistro, tenendo la teglia leggermente piegata verso il basso, anche a sinistra, poi la raddrizzo e la piego di nuovo velocemente a destra, in modo che l'impasto scorra da sinistra a destra e viceversa, prima coprendo il fondo della teglia, poi la parte superiore, fino ad amalgamare tutto l'impasto.

Se l'intero fondo della padella non è coperto, aggiungere un po' di impasto in più per unire l'impasto e formare l'intera frittella.

Metto la frittella sul fuoco e la tengo da una parte per circa un minuto e lo stesso, anche meno dall'altra parte. Non lancio più proprio la frittella, perché la padella è più pesante, ma non si attacca ed essendo un po' dura in superficie, vado a girare la frittella con una paletta di legno.

Quando è pronto, capovolgere il pancake su un piatto piano e passare al pancake successivo.

Quando sono tutte pronte, le riempio di marmellata, urda, formaggio, formaggio o quello che voglio, anche con zucchero semplice. A proposito, questo è il mio più grande piacere: il primo pancake è mio, cosparso di zucchero! Piega i pancake in 4 se li riempio con formaggio, urda o cioccolato. Qui ho la mia porzione di 2 pancake ripieni di urda e aneto, su cui ho messo la panna acida - e un pancake con marmellata.

Li arrotolo come involtini di cavolo - in modo che il succo della marmellata di ciliegie non scorra!


Mamamette crema ordito

Un'altra ricetta appetitosa con l'urda di Carmen Nemeth, questa volta ci manda un Mamamette urda crema, un antipasto semplice e sfizioso.

Probabilmente ti starai chiedendo perché si chiama Mamamette, anche Carmen spiega perché l'ha chiamata: & # 8220Mamamette perché è preparata da sua madre, cioè da me. & # 8221

Consiglia di mettere Mamamette urda crema sul pane o farcite dei peperoni al forno.


Ricette simili:

Budino di pancake con salsa al vino

Ricetta del budino di pancake con salsa al vino preparato con uova e vaniglia

Budino di pancake con formaggio e salsa v.

Budino di pancake farcito con ricotta e salsa alla vaniglia preparato con latte e vanillina

Frittelle con formaggio e uvetta

Ricetta per frittelle con ricotta, uvetta e composta di frutta, aromatizzata alla cannella

Pancake con marmellata

Frittelle con marmellata, preparate con latte e uova, confezionate in quattro o arrotolate e spolverate con farina di vaniglia


In Bucatarie La Sidy

un torta speciale, semplici e buonissime, frittelle con crema di zucchero bruciato, per una persona a me molto cara.
Una torta per nulla pretenziosa, e la crema di zucchero bruciato è apprezzata da tutti, perché è un dolce dal gusto favoloso ed è molto facile da preparare.
Penso che ogni casalinga abbia fatto questa crema almeno una volta, ma. Volevo qualcosa in più.
E ho preparato dei semplici pancake, che ho riempito con una moc Deluxe cream di Lidl.

- per frittelle
2 uova
300 g di farina bianca
sale
300 ml di acqua minerale (abbastanza per fare un impasto morbido)




- per la crema:
8 uova
100 g di zucchero (non serve altro perché la crema è dolce)
1 litro di latte
50 ml Liquore Limoncelo
polvere di sale

Metodo di preparazione:


Facciamo dei semplici pancake con i componenti di cui sopra, che cuociamo su entrambi i lati.
Una volta pronte, ungetele con la crema moka e piegatele come nella foto qui sotto.


In una ciotola di yenna, sciogliamo 1-150 g di zucchero a fuoco basso e quando inizia a sciogliersi, allarghiamo i bordi della ciotola, capovolgendo.
Fare attenzione a non prendere un colore marrone scuro, perché poi lo zucchero diventerà amaro.
Metti i pancake ripieni sui lati della ciotola della yenna.


Dalle 8 uova e zucchero mescolate bene fino a farle schiumare, facciamo la crema.
Aggiungete poco alla volta il liquore, il sale e il latte, mescolando la panna.


Versare questa composizione nella ciotola, sopra i pancake.
Mettere la pirofila in forno preriscaldato a 160 gradi e cuocere la torta fino a quando la crema non si addensa, circa 30-40 minuti (dipende anche dal forno).

Lasciar raffreddare bene la torta. Dopo che si sarà raffreddata, mettete la pirofila in frigo in frigo per 2-3 ore o meglio fino al giorno successivo.
Dopo che si è raffreddata, capovolgere la torta su un piatto alto in modo che lo sciroppo rimasto non vada sprecato.
Ho scelto di non decorare la torta, ho messo solo qualche ciliegia candita. Ma chi vuole, può decorarla con la panna montata.


4 uova
250 gr.ulei
250 gr.zahar
1 bustina di lievito per dolci
essenza di limone
650 gr.faina alba
Per il ripieno:
Burro
cacao
NOCCIOLINE
Nutella
Per la decorazione:
latte
colorante alimentare
zucchero

In una ciotola mescolate le uova con lo zucchero e l'essenza di limone. Quando lo zucchero si sarà sciolto, aggiungere l'olio come la maionese.
Quindi aggiungere la farina e il lievito e impastare un impasto non troppo duro.
Ci spolveriamo le mani con la farina e iniziamo a fare delle palline delle dimensioni di una noce più piccola.
La teglia precedentemente rivestita con carta da forno viene posta in forno per 20 minuti a fuoco adatto.
ATTENTO!
Se il fuoco è troppo forte, le palle si spezzeranno.
Quando saranno pronte, togliete la teglia e lasciate raffreddare. Dopo che si sono raffreddati & # 8230 & # 8222 & # 8221 & # 8230 & # 8230
Prendi ogni pallina e scavala con un cucchiaino
Dopo aver svuotato le palline, farcitele con la vostra crema preferita (crema alla Nutella, una crema di burro, zucchero, cacao e noci) e incollatele a due a due.
Alla fine, prendi ogni pallina, passala attraverso una miscela di coloranti (latte dolce + colorante), quindi dagli zucchero.
Dopo aver decorato tutte le pesche, le metto in frigo per far indurire lo zucchero.

Prova anche questa video ricetta


Fiori di zucca ripieni in pastella per pancake

Zucchine, nome scientifico cucurbita pepo è una pianta che viene dall'America e fa parte della famiglia delle cucurbitacee. Il fiore di zucca è bellissimo, di un giallo intenso, in armonia con i colori autunnali. Ricordi i testi di Toparceanu dei primi anni di scuola: & #8220 & #8230 Autumn, Fairy of Melopeelor, Fear of Flowers e Lady
Cucurbitaceelor ​​& # 8230 & # 8221? ?

Questo fiore, dall'aspetto delicato, permette di essere farcito e anche speziato in varie varianti. A differenza dei fiori di acacia che si mangiano esclusivamente nella versione dolce, i fiori di zucca possono essere fritti dopo essere stati passati attraverso un impasto salato con o senza uovo nella composizione. Siccome non ho trovato troppi fiori in giardino, ho provato solo con il ripieno di crema di formaggio, senza tante spezie, per sentire a pieno il sapore del fiore. Possono anche essere farciti con un composto contenente funghi tritati e anche pancetta. Serviti a colazione, fanno una tavola dal gusto meraviglioso e unico con cui non ho nulla da paragonare, per questo vi invito a preparare questo piatto quando avete la possibilità di acquistare dei fiori di zucca.

Tempo di preparazione 10 minuti

Tempo di cottura 15 minuti

Ingredienti

Per l'impasto

  • 1 uovo di gallina molto piccolo
  • 80-90 ml/g di latte
  • 2-3 cucchiai di farina
  • 1 pizzico di sale

Per il ripieno

  • 50-60 g di formaggio spalmabile o urda
  • prezzemolo o aneto tritato
  • paprika e pepe OPTIONAL


PREPARAZIONE Fiori di zucca ripieni in pastella per pancake
1. Tritare finemente le verdure e mescolare tutti gli ingredienti del ripieno. Gusto!
2. Ho rimosso i gambi e le foglie dei fiori dalla base. Ho rimosso il pistillo dai fiori grandi. Il pistillo è commestibile, si può lasciare in fiorellini che non si riempiranno e che passeranno solo attraverso l'impasto e andranno fritti.
3. È più facile riempire i fiori con un pos, per me non è stato così perché c'erano solo 3 fiori grandi. Dopo il riempimento, ruotare delicatamente la punta per sigillare.
4. Per l'impasto ho sbattuto l'uovo con un pizzico di sale, ho aggiunto 1/3 del latte, ho spolverato 1 cucchiaio di farina e ho impastato il ruotino con una piccola frusta, poi ho aggiunto il latte e ancora la farina fino a legato un impasto tipo pancake, può essere un po' più consistente se si vuole una crosta più spessa.
5. Scaldare l'olio in una padella a fuoco medio per coprirli fino alla metà. Ho passato i fiori attraverso l'impasto e li ho fritti su entrambi i lati fino a quando non erano uniformemente dorati. Ci vogliono 3-4 minuti. Li ho tirati fuori su un tovagliolo di carta su un piatto per assorbire l'olio.
È un piatto con il quale si può stupire gli ospiti, servito come antipasto/antipasto a pranzo, colazione o cena. Abbiamo apprezzato il nostro occhio e ci siamo divertiti a goderci i fiori di zucca ripieni in pastella per pancake.
Vivi (e) questo!


Video: Handcrafted Japanese Souffle Pancakes (Potrebbe 2022).